/ Attualità

Attualità | 11 gennaio 2022, 07:28

Una raccolta di manga per avvicinare alla lettura i bambini di Barriera di Milano

L'idea di Guido Barilla, maestro della scuola primaria Gabelli di via Santhià e responsabile della biblioteca dell'intero Istituto Comprensivo: “In questo modo riesco a coinvolgere tutti”

guido barilla

Guido Barilla e la raccolta di manga per avvicinare alla lettura i bambini di Barriera

libri sono il miglior strumento per avvicinare bambini e ragazzi alla lettura, fin qui nulla di nuovo. Ad innovare questo paradigma ci ha pensato un insegnante della scuola primaria Gabelli di via Santhià 25, nel cuore di Barriera di Milano, a due passi da piazza Foroni e dal mercato storico del quartiere.

L'importanza della lettura in una scuola multiculturale

Guido Barillamaestro della prima elementare e responsabile della biblioteca dell'intero Istituto Comprensivo, oltre alla già avviata raccolta di libri per ampliare il già nutritissimo elenco di titoli (circa 2500, ndr) a disposizione degli studenti ha infatti avviato una ricerca di fumetti manga attraverso un appello rimbalzato su diversi gruppi e pagine Facebook dedicate al quartiere.

Sto cercando - spiega – in tutti i modi di avvicinare i ragazzi alla lettura e, in una scuola composta quasi interamente da alunni non italofoni, questo assume non solo una valenza generale ma diventa di fondamentale importanza anche per l'apprendimento della lingua. Molto spesso a casa non ci sono libri, non solo per ragioni economiche ma anche per mancanza di attenzione culturale delle famiglie: negli ultimi 2 anni, nonostante la pandemia, ho organizzato diversi laboratori e incontri e sperimentato tutte le metodologie possibili proprio nel tentativo di appassionarli alla lettura”.

I manga: uno strumento per coinvolgere tutti

L'idea dei manga è nata da un'esigenza specifica: “Me li hanno chiesti - aggiunge Barilla - esplicitamente molti ragazzi tra i più grandi e 'difficili', di 4° e 5° elementare ma anche di 1° media, durante le mie giornate in biblioteca. Non è stato facile accontentare questa richiesta perché, non essendo esperto in materia, ho dovuto leggerne alcuni non solo per capirne le modalità di lettura ma anche per prendere confidenza con il loro linguaggio un po' particolare e davvero molto evoluto; oltre a questo, non essendo di facile reperibilità sono stato costretto a comprarne io stesso sfruttando la Carta del Docente".

"Ho voluto comunque seguire questa strada perché dai primi contatti è possibile intraprendere un percorso verso la lettura di classici o di autori moderni per ragazzi: se qualcuno avesse dei manga in qualche cassetto e non sapesse cosa farsene, può donarli alla nostra biblioteca, vero e proprio motore della scuola. Questa iniziativa è utile anche per la mia crescita personale perché mi permette di stare al passo con i tempi e di entrare in confidenza con linguaggi dei più giovani”, ha concluso Barilla.

Chi volesse contribuire alla raccolta di manga o di altri libri per la biblioteca dell'Istituto Comprensivo Gabelli può contattare Guido Barilla scrivendo a g.barilla@icgabellitorino.edu.it

g.barilla@icgabellitorino.edu.it

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium