/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 18 gennaio 2022, 13:19

La Circoscrizione 7 di Torino va a caccia di nuove pedonalizzazioni e chiede “l'aiuto del pubblico”

Su indicazione dell'assessora alla viabilità Foglietta, l'ente decentrato ha avviato una call coinvolgendo i gruppi consiliari, le associazioni e i cittadini: c'è tempo fino al 21 gennaio

Borgo Dora, pedonalizzazione

Borgo Dora, pedonalizzazione

La Circoscrizione 7 di Torino ha avviato una campagna per la ricerca di nuove aree da pedonalizzare coinvolgendo i propri gruppi consiliari, le organizzazioni attive nei quartieri e i cittadini. La richiesta di “aiuto del pubblico” non è estemporanea: come esplicitato durante un'apposita Commissione andata in scena lunedì, infatti, a sollecitare un confronto con il territorio è stata l'assessora alla viabilità Chiara Foglietta in vista di un incontro con i rappresentanti degli enti decentrati in programma a fine mese; la deadline per la presentazione di idee e proposte è fissata per venerdì 21 gennaio (le proposte andranno inviate all'indirizzo e-mail segreteriac7@comune.torino.it).

Deri: “Sulle aree pedonali ci si divide ma poi vengono apprezzate”


A illustrare le motivazioni che hanno portato all'iniziativa ci ha pensato il presidente della Sette Luca Deri: “Quando a Torino - ha sottolineato – si parla di aree pedonali ci si divide sempre: all'inizio vengono percepite come un'invasione di campo ma con il tempo vengono apprezzate, basti pensare a via Garibaldi, via Lagrange e via Carlo Alberto. Per farle bene, però, non basta chiudere le strade al traffico con due dissuasori, bensì occorre realizzare interventi infrastrutturali come il rifacimento delle pavimentazioni o la posa di arredo urbano; come Giunta valuteremo le proposte che ci arriveranno e le invieremo a Foglietta, assumendoci la responsabilità politica delle scelte fatte”.

Il centro-destra chiede un maggior coinvolgimento della politica e dei cittadini


Dalla minoranza di centro-destra in Consiglio Circoscrizionale si è levata, a gran voce, la richiesta di un ascolto maggiore anche in sede decisionale: “Rivolgiamo un appello - ha ribattuto la capo-gruppo di Fratelli d'Italia Patrizia Alessi affinché la Giunta coinvolga tutti i partiti politici e i cittadini nella scelta delle vie da pedonalizzare. Insistiamo su questo perché, nella scorsa legislatura, sono accaduti fatti spiacevoli come a Borgo Dora, dove è stato pedonalizzato un intero borgo lavorando solo con un piccolo gruppo di persone; la soluzione migliore sarebbe quella di organizzare, prima di decidere, Consigli aperti, Commissioni e assemblee pubbliche”.

“Migliorare le aree già esistenti”, una richiesta bi-partisan


Sia dalla maggioranza che dall'opposizione, invece, è arrivata la proposta di rivedere le aree pedonali e le limitazioni al traffico già esistenti: è il caso di Borgo Dora, con la consigliera della Lega Daniela Rodia in prima fila nel richiedere uno studio sulla sicurezza, e del progetto Vanchiglia zona 30, per cui è stata richiesta attenzione dal consigliere PD Giuseppe Cammarata e dal collega dei Moderati Ferdinando D'Apice. A difesa degli interventi voluti dalla Giunta Appendino, invece, è intervenuto l'esponente del Movimento 5 Stelle Francesco Lauria, mentre una disponibilità a collaborare è giunta dalla Consulta per la Mobilità Ciclistica e Moderazione del Traffico.

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium