ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 29 marzo 2022, 13:48

Il Po ha sete d'acqua: greto in secca, tra erba e rifiuti [FOTO]

Dopo oltre 100 giorni di siccità (ultima precipitazioni intensa l'8 dicembre), il letto del fiume è asciutto in più punti

po in secca

Po in secca ai minimi storici, in assenza di precipitazioni

A Torino splende il sole, ma questa non è una buona notizia: il Po, come il resto dei fiumi e del territorio, ha sete d'acqua. Dopo oltre 100 giorni di siccità, l'ultima precipitazioni intensa risale all'8 dicembre quando scese un'abbondante nevicata, il greto è in secca in più punti. Nelle prossime ore è previsto un aumento della nuvolosità, con piogge intense mercoledì e giovedì: il termometro anche è in discesa. 

Grave situazione tra i ponti di corso Regina e piazza Vittorio 

Ad oggi però la situazione del Po è grave, soprattutto nel tratto tra i ponti di corso Regina Margherita e di piazza Vittorio Veneto, dove ormai ci sono moltissime parti emerse. Vere e proprie penisole collegate alla terraferma, o piccole isole che emergono dal fluire d'acqua, dove sono cresciute piante ed erbe spontanee. 

I rifiuti nel fiume

Ma  dove sono anche presenti rifiuti, dalle bottiglie di birra abbandonate, alle cartacce e contenitori. Il 1° marzo il Comune aveva promosso una pulizia straordinaria dell'alveo del fiume, dove sono stati raccolti ben 20 sacchi di bottiglie di plastica, bici, monopattini, batterie per auto ed altro ancora. E la Città, per contrastare gli effetti del cambiamento climatico, ha deciso di investire 15 milioni euro: l'inverno appena trascorso è stato quello più caldo degli ultimi 60 anni.

Cinzia Gatti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium