/ Attualità

Attualità | 12 febbraio 2024, 18:57

Grugliasco, celebrato il Giorno del Ricordo. Gaito: "Le foibe pagina troppo a lungo dimenticata"

Il primo cittadino: "Importantissimo parlarne, soprattutto ai ragazzi delle nuove generazioni"

Grugliasco, celebrato il Giorno del Ricordo. Gaito: "Le foibe pagina troppo a lungo dimenticata"

Grugliasco, celebrato il Giorno del Ricordo. Gaito: "Le foibe pagina troppo a lungo dimenticata"

Oggi, lunedi 12 febbraio, al giardino Vittime delle Foibe, in corso Fratelli Cervi,  a Grugliasco, è stata celebrata la ricorrenza del Giorno del Ricordo con la deposizione di una corona di fiori alla presenza del sindaco, Emanuele Gaito, del presidente del Consiglio Comunale, Luigi Musarò e dei rappresentanti delle associazioni degli esuli istriani, fiumani, dalmati che hanno raccontato brevemente la storia che hanno vissuto lui e decine di migliaia di famiglie italiane con il dramma dell'esodo.  

Tra il 1943 e il 1954 decine di migliaia di italiani hanno dovuto abbandonare le loro case e la loro terra natale nelle province – allora italiane – di Pola, Fiume e Zara, per sfuggire alle persecuzioni ed ai massacri di civili e militari da parte del regime  jugoslavo. Per ricordare quella tragica pagina di storia, il Comune di Grugliasco celebra il “Giorno del ricordo”, stabilito nel 2004 con legge dello Stato per il 10 febbraio (data in cui nel 1947 fu firmato il trattato col quale l’Italia cedeva la regione dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia), con un manifesto che propone una riflessione sulla tragedia dei profughi e delle vittime delle foibe.  

Inoltre, alla stazione di Torino Porta Nuova, all’interno delle varie attività per il Giorno del Ricordo organizzate dal Ministero dell'istruzione e del Merito, il 14 febbraio, farà tappa l'iniziativa “Treno del ricordo” che prevede l’allestimento tematico all’interno del Treno sui seguenti temi: la resistenza passiva (riproduzione dei vagoni che trasportarono in Germania i militari italiani dopo l’8 settembre 1943), le condizioni di viaggio degli Esuli, l’abbandono della terra natia e la speranza della rinascita. A rappresentare la nostra città all'iniziativa del Ministero sarà il consigliere comunale Michele Novembre.  

“Pensiamo sia importantissimo parlare, soprattutto ai ragazzi, di ciò che hanno significato le tragedie del secolo scorso, l'olocausto innanzitutto e la vicenda delle foibe e dell'esodo degli italiani dall'Istria e dalla Dalmazia – dice il sindaco di Grugliasco, Emanuele Gaito - divulgando le numerose cause che sono all’origine di eventi che appartengono alle pagine più tristi della storia. Cercare di capire la verità, evitando ogni strumentalizzazione politica o ideologica di parte, è l’unica strada per conquistare la giustizia storica, la sola che può portare alla pace tra i popoli. Rendere omaggio alla memoria dei caduti civili incolpevoli ed alle decine di migliaia di famiglie che hanno dovuto affrontare il dramma di quell’esodo è un atto di umanità dovuto".

"Ringraziamo L'Istituto piemontese per la storia della Resistenza ed il suo presidente Paolo Borgna per il grande lavoro che su questo tema svolgono con gl'insegnanti delle scuole, con l'obiettivo di alimentare una memoria condivisa ma non uniforme, perchè tutti gli eventi storici, con il passare del tempo, perdono importanza per le generazioni successive, che tendono naturalmente a concentrare l'attenzione sulle vicende più vicine nel tempo, più facili da ricordare, con effetti immediati sulla vita di tutti”, ha concluso il sindaco di Grugliasco.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium