/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 09 novembre 2019, 18:40

Vita Ciclabile: in via Nizza la formula sembra funzionare, ma non mancano gli indisciplinati [FOTO]

Abbiamo provato a percorrere la nuova (doppia) pista in piena San Salvario. Accolta da molte polemiche, in realtà non sembra rivelare grandi criticità. A parte qualche pedone distratto o automobilisti indisciplinati

Vita Ciclabile: in via Nizza la formula sembra funzionare, ma non mancano gli indisciplinati [FOTO]

L'abbiamo provata in pieno pomeriggio, quando il traffico si rinforza con l'uscita dalle scuole e dagli uffici, ma anche in tarda mattinata, più o meno all'ora della pausa pranzo. E la sensazione è che la pista ciclabile di via Nizza svolga con efficacia la sua missione. Anche se non mancano gli indisciplinati.

Inaugurata in mezzo a tanti timori e polemiche per questioni di sicurezza e di possibile congestione del flusso di veicoli a quattro ruote, arrivata al mese di novembre - e raddoppiata, visto che corre su entrambi i lati della via nel cuore di San Salvario - la situazione sembra sotto controllo.



Le auto sono ordinatamente parcheggiate al loro posto, lasciando spazio sia alla discesa dei passeggeri lato marciapiede, sia al passaggio dei mezzi a pedali. Certo, il rischio di qualche apertura di portiera poco attenta resiste, ma lo spazio per scorrere vicino a debita distanza c'è e questo dovrebbe aiutare a prevenire impatti.

Non mancano tuttavia gli indisciplinati: soprattutto avvicinandosi da piazza Carducci verso Porta Nuova, un paio di auto parcheggiate a scavalco della pista le abbiamo incrociate. Per non parlare di alcuni furgoni in consegna, ma lasciati proprio a scavalco della pista.

Oppure auto parcheggiate fuori dalle strisce, anche se non di molto. Ma in maniera sufficiente a complicare il passaggio a chi si muove su due ruote.

Più buffo è stato incontrare (in un caso) i bidoni della raccolta differenziata appoggiati proprio all'interno della ciclabile. Così come è stato curioso dover rallentare e procedere a passo d'uomo perché - all'altezza della sede di via Nizza dell'Università - due persone hanno percorso un centinaio di metri placidamente lungo la pista, fino al passaggio pedonale, incuranti anche delle scampanellate.

Tuttavia, sia nella sua versione serale che in quella mattutina, la nuova ciclabile ha mostrato il lato migliore di sé, senza particolari intoppi. Forse la frequenza di ciclisti non è enorme (tanti i rider della consegna cibo a domicilio), ma per ora il voto è positivo.

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium