/ Cronaca

Cronaca | 25 ottobre 2021, 17:44

Commercialista ucciso a colpi di pistola, iniziato il processo a Giovanni Cordella

Il venditore d'auto è accusato di aver assassinato il commercialista 60enne Luciano Ollino. Ascoltato in aula il primo testimone

aula di tribunale - foto di repertorio

Commercialista ucciso a colpi di pistola, iniziato il processo a Giovanni Cordella

In Corte d'Assise si è aperto oggi il processo a Giovanni Cordella, il 42enne venditore di auto accusato dell'omicidio del commercialista di Moncalieri Luciano Ollino, 60 anni, ucciso con 6 colpi di pistola, il cui corpo venne ritrovato, l'8 giugno 2020, in una piazzola al Pian del Lot, sulla collina torinese, legato dentro una Bmw bianca.

Davanti al giudice Modestino Villani si è presentato un primo testimone, il quale abita nella zona e il giorno dell'omicidio era uscito per una passeggiata con i suoi cani. Durante quella passeggiata, ha raccontato di aver visto la Bmw bianca "parcheggiata in modo strano, con il muso ricoperto dai cespugli. Avevo pensato che andare in 'camporella' in quella maniera così vistosa fosse sciocco". Il testimone ha ricordato, inoltre, di avere visto altre tre auto nel cammino di ritorno verso casa: una Porsche Cayenne, una Jeep e un'altra auto di colore rossa ma di cui non ha saputo ricordare il modello.

"C'erano anche tre persone, due uomini e una donna bruna che mi ha colpito, perché era vestita in modo sciattamente borghese., aveva un rossetto vistoso e indossava un tailleur credo di Chanel". Solo il giorno dopo quando venne a sapere del ritrovamento del cadavere, il testimone si è rivolse carabinieri raccontando quel che aveva visto.

Il testimone inoltre ha affermato di aver sentito gli spari, "quatto o cinque" e di aver "pensato che avessero come bersaglio i cinghiali" anche se "non era un rumore di un fucile da caccia". Sul passaggio delle tre auto e sulle persone notate dal testimone, la difesa di Cordella, gli avvocati Enrico Calabrese e Barbara Tonzar, hanno chiesto se si è cercato di individuarle. Le domande del pm Ciro Santoriello si sono concentrate sull'orario.

In aula poi è stato sentito il tenente colonnello dei carabinieri Andrea Caputo, responsabile del nucleo investigativo, che ha ricostruito le indagini. Secondo l'accusa Cordella, inquilino di un residence in strada del Colle amministrato da Ollino aveva proposto alla vittima l'acquisto del complesso per cinque milioni di euro tra contanti e bitcoin. Ma l'accordo era poi saltato.

Cordella è accusato di omicidio premeditato, rapina e detenzione abusiva di una pistola semiautomatica. Nel procedimento le parti civili, le figlie e il fratello della vittima, sono rappresentate dagli avvocati Luigi Chiappero ed Enrico Cairo.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium