/ Politica

Politica | 25 ottobre 2021, 16:08

Michela Favaro è la nuova vice sindaca di Torino: “Sfida stimolante, dobbiamo far ripartire l’economia”

Stefano Lo Russo sceglie una donna come sua vice. Gabriella Nardelli assessora al Bilancio: “L’indebitamento va sistemato, il piano di rientro con la corte dei conti va rivisto: c’è tanto da fare”

La neo vice sindaca Michela Favaro

La neo vice sindaca Michela Favaro

Due donne, in due ruoli chiave per la ripartenza di Torino. Stefano Lo Russo, componendo la Giunta che lo affiancherà in questi cinque anni di mandato, ha scelto Michela Favaro come vice sindaca e Gabriella Nardelli come assessore al Bilancio della Città di Torino.

Chi è Michela Favaro, nuovo vice sindaca di Torino

Quarantotto anni, sposata con due figli. Laureata in giurisprudenza presso l’Università di Torino e abilitata all’esercizio della professione di avvocato, Favaro ha lavorato dal 1998 come giurista d’impresa presso società multinazionali del settore automotive. Non manca l’impegno in politica, visto che è stata assessora alla Promozione della Città di Collegno al 1999 al 2001, consigliera comunale della Città di Torino dal 2001 al 2006 e Presidente e Amministratore Delegato della società AFC Torino S.p.A. dal 2016 al 2018 e Presidente della medesima società dal 2018 al 2019.

Sono molto onorata del compito che mi ha attribuito il sindaco, è una sfida molto stimolante e importante perché credo che i prossimi anni saranno importantissimo per la città, bisognerà far ripartire l’economia. Bisognerà gestire ingenti fondi e il mio compito sarà supportare la macchina amministrativa, avendo la delega del personale”, ha rivelato la nuova vice sindaca. 

Tra le deleghe che le sono state conferite, le deleghe al Personale, Patrimonio, Appalti e Legalità: “Sono onorata della nuova delega alla legalità, permetterà di avere una forza incisiva nella gestione dei fondi sia a livelli di controlli interni che a livello di rendicontazione alla cittadinanza. Vogliamo che il dialogo con i cittadini continui, spiegandogli come verranno spesi i soldi e portati avanti i progetti”, ha commentato Favaro.

Il cruccio dell’assessore al Personale? Il rinnovo della macchina comunale: “Mi preoccupa la sfida, la macchina comunale è importante. Ha molte competenze, ma negli anni l’età media dei dipendenti si è alzata: ci sarà forse bisogno di nuove energie, competenze. Questo è un aspetto sfidante su cui bisognerà lavorare fin da subito tantissimo”. Nessuna promessa, invece, su nuove assunzioni: “Non lo so, verificherò. Bisognerà potenziare quegli ambiti che lavoreranno sul Pnrr”.

Chi è Gabriella Nardelli, neo assessora al Bilancio del Comune di Torino

Al suo fianco lavorerà Gabriella Nardelli, assessora al Bilancio e Partecipate: “E’ un momento delicato, Torino si sta riprendendo dalla crisi e dovremmo programmare tante cose. I conti della città non mi lasciano tranquilla, c’è tanto da lavorare. L’indebitamento va sistemato, il piano di rientro con la corte dei conti va rivisto. C’è tanto da fare”. 

Cinquant’anni, laureata in Economia e Management. Iscritta all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Torino. Nardelli è Iscritta al Registro dei Revisori Legali, all’Albo dei Consulenti Tecnici del Giudice – categoria Ragionieri presso il Tribunale Ordinario di Torino.

Commercialista, Sindaco, Revisore legale e componente di Organismi di Vigilanza di enti, società e organismi che operano sia nel settore privato, sia nel settore pubblico. Spicca, tra i tanti impegni lavorativi, quello da componente della lista di esperti (short list) per l’affidamento di incarichi in materia di finanza territoriale della Sezione delle autonomie della Corte dei conti di Roma.

Cinzia Gatti e Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium