/ Cronaca

Cronaca | 08 agosto 2022, 22:37

Dopo Franco, Torino piange anche Gianni: erano stati la prima coppia omosessuale unita civilmente in città

Muore all'età di 85 anni dopo che il compagno di una vita morì a gennaio 2017, pochi mesi dopo la cerimonia dell'agosto 2016

Franco Perrello e Gianni Reinetti

Da sinistra, Franco Perrello e Gianni Reinetti

La Torino dei diritti piange lacrime di dolore, ma anche di riconoscenza verso Gianni Reinetti, scomparso nelle scorse ore a 85 anni. Insieme al compagno di una vita, Franco Perrello, erano stati il 6 agosto 2016 la prima coppia omosessuale a unirsi civilmente a Torino. Poco più di sei anni fa.

Poterono farlo con l'entrata in vigore della Legge Cirinnà, ma il loro rapporto durava ormai da 52 anni. Un legame forte, indissolubile, ma che soprattutto ha fatto da apripista potente in quella rincorsa ai diritti civili che ancora oggi è di attualità e che, ancora oggi, mostra diversi gradini ancora da salire.



Il loro matrimonio civile durò pochi mesi, perché Franco morì a 83 anni, nel gennaio del 2017. Il cammino, però, era ormai tracciato: quel cammino iniziato nel 1964 quando, anche a Torino, essere omosessuali implicava vivere nascosti, nel terrore di essere scoperti e di pagarne le conseguenze, fisiche oltre che "sociali".

Il ricordo che lasciano è quella di una coppia di persone speciali, che hanno fatto molto per i diritti propri e degli altri. "Si sono sentiti fin da subito una famiglia e facevano sentire parte di quella famiglia chiunque si avvicinasse a loro e avesse la fortuna di conoscerli", dicono gli amici, che ora li piangono entrambi.

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium