/ Moncalieri

Moncalieri | 10 novembre 2022, 15:07

Moncalieri Jazz Festival verso il gran finale con tributi a Billie Holiday e Charles Mingus

Doppio appuntamento domani (venerdì 11) e sabato 12 novembre alle Fonderie Limone. Domenica l'omaggio ai 100 anni di Pier Paolo Pasolini

concerto per mingus

Moncalieri Jazz Festival verso il gran finale con tributi a Billie Holiday e Charles Mingus

L'edizione dei 25 anni del Moncalieri Jazz Festival si avvia al gran finale, che vedrà protagoniste le Fonderie Limone.

Domani sera tributo a Billie Holiday

Domani,  venerdì 11 novembre alle ore 21, il doppio concerto che il direttore artistico Ugo Viola ha selezionato in cartellone vedrà esibirsi la formazione guidata dal contrabbassista Jacopo Ferrazza, in un duplice repertorio.

La protagonista della prima parte, un tributo a Billie Holiday sarà l'elegantissima voce di Ada Montellanico, campionessa insuperabile di “leggerezza”, in una performance dalla duplice valenza estetica ed emotiva dedicata all'incommensurabile genio di Lady Day.

Nella seconda parte, la formazione strumentale, composta da Jacopo Ferrazza a contrabbasso, synt, composizioni, Enrico Zanisi a pianoforte, synt, live electronics, Alessandra Diodati alla voce, Valerio Vantaggio alla batteria e Livia De Romanis al violoncello darà vita al progetto "Fantàsia" fondato su composizioni originali scritte appositamente per quest’ensemble con l’intento di conciliare il mondo acustico ed elettronico.

Sabato Furious Mingus Revisited

Sabato 12 novembre, sempre alle Fonderie Limone e sempre a partire dalle ore 21, ecco invece l'omaggio ai 100 anni dalla nascita di Charles Mingus: la sua energia fisica, la forza libertaria della musica, l’originale concezione compositiva intrisa di improvvisazione, rendono la sua arte un oggetto esplosivo, di inarrestabile potenza espressiva.

Furious Mingus Revisited è un lavoro improntato, per suono e tempo musicale, anche sul gioco numerologico che c’è dietro la vita di Mingus. Come ricorda Furio Di Castri, tra i più grandi contrabbassisti contemporanei, nonché una delle figure chiave del jazz italiano: "Nelle  composizioni di Mingus tutti i cambiamenti di tempo sono costruiti secondo le regole dell’aritmetica – moltiplicazioni, divisioni, frazioni. Ci sono combinazioni di 2 e di 3 (di 2, 3, 4, 6, 8, 12 e 16) fino a sfiorare il mondo dei numeri primi con il 19, la chiave della modulazione ritmica di una delle sue ultime composizioni, Sue’s Changes. Diciannove. Il 19 moltiplicato per 3 fa 57, proprio come gli anni che Mingus avrebbe compiuto pochi mesi dopo quel brutto gennaio del 1979".

Domenica doppio concerto per il gran finale

E domenica 13 gran finale con un doppio concerto che celebra il gemellaggio con Procida capitale italiana della Cultura 2022 e l'omaggio ai 100 anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini.

Massimo De Marzi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium