/ Scuola e formazione

Scuola e formazione | 20 giugno 2018, 17:50

Maturità 2018, al Professionale Albe Steiner gli studenti scelgono storia e creatività

Nazifascismo, costituzione, antisemitismo e arte tra gli argomenti preferiti dai maturandi dell'istituto dedicato alla memoria del designer e partigiano milanese

Maturità 2018, al Professionale Albe Steiner gli studenti scelgono storia e creatività

“Oggi è già domani”: è questa la scritta emblematica che campeggia sugli striscioni appesi all'ingresso principale dell'Istituto Professionale Albe Steiner di Lungo Dora Agrigento 20/a a Torino. Ormai archiviati i brutti episodi di bullismo che scossero l'opinione pubblica qualche anno fa, per gli studenti di grafica, fotografia e audio/video è arrivato il momento di guardare al futuro con la prima prova della maturità: dalle voci dei protagonisti è emersa una discreta predilezione per la storia e la creatività e non poteva essere altrimenti vista l'intitolazione al designer e partigiano milanese.

Laura ha proprio scelto l'ambito storico-politico con il saggio breve su Massa e propaganda: “Ho approfondito la tematica del nazi-fascismo perché mi interessa molto, inoltre era alla mia portata perché l'anno scorso ho partecipato al Treno della Memoria” ha commentato. Andrea, invece, ha analizzato l'articolo 3 della Costituzione scegliendo il tema generale, ecco le sue impressioni: Èstato difficile perché ho dovuto argomentare un solo articolo pensando sia al passato che al futuro”.

Restando in ambito comunque storico, l'analisi del testo ha trattato “Il giardino dei Finzi Contini” di Giorgio Bassani. Alex ha scelto questa tipologia per un motivo molto preciso: “Bassani è un autore contemporaneo, fosse uscito Dante sicuramente avrei fatto una scelta diversa; in più, il testo era semplice e le domande abbastanza facili”“La traccia proponeva una riflessione su odio e antisemitismo attraverso l'analisi delle figure retoriche e un commento personale” ha aggiunto un compagno.

L'altro fil rouge che ha legato questa prima prova allo Steiner è stato quello della creatività. Martina e Giorgia l'hanno declinato sotto il profilo artistico scegliendo La solitudine degli artisti, mentre Chiara ha optato per l'ambito socio-economico. Il coro delle tre è stato unanime: “Facendo grafica e fotografia come indirizzi di studio, è stato facile collegare i vari argomenti”.

“Ieri impegna l'oggi nel domani” recita una vecchia canzone dei Nomadi: gli studenti dell'Albe Steiner sono sulla strada giusta per investire in futuro gli insegnamenti del passato.

Marco Berton

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium