/ Cronaca

Cronaca | 01 dicembre 2022, 19:43

Il Marocco vince ai mondiali: a Torino centinaia in festa nelle strade, traffico in tilt

Corsi e vie bloccate, petardi in Barriera di Milano. Esplode la festa della comunità nordafricana

festa tifosi marocchini

Il Marocco vince ai mondiali: a Torino centinaia in festa nelle strade, traffico in tilt

Il Marocco batte il Canada 2-1, si qualifica agli ottavi di finale dei mondiali in Qatar e a Torino esplode la festa.

In centinaia in strada a festeggiare

Sono centinaia le persone che al triplice fischio dell’arbitro si sono riversate nelle strade di Barriera di Milano. Festeggiamenti sfrenati hanno animato corso Giulio Cesare, tra corso Novara e Largo Giulio Cesare, con bus bloccati, traffico rallentato e petardi sparati in aria. 

Qualche torinese ha voluto polemizzare per i mancati controlli: “I botti hanno terrorizzato gli animali, ma non c’è un regolamento da far rispettare?”. Chi, presente sul territorio, ha osservato i festeggiamenti, è Raffaele Petrarulo, ex consigliere comunale di Forza Italia: “Ho visto persone festeggiare, come fossero italiani. L’importante è che la situazione non degeneri, come successo qualche giorno fa a Bruxelles dove un momento di gioia si è tramutato in scontri cittadini”. 

Traffico in tilt e polemiche

Il Marocco si qualifica alla fase ad eliminazione diretta di un Mondiale per la seconda volta nella sua storia. E Torino, almeno per una notte, vede dei cittadini festeggiare per una partita di calcio.

Montaruli (FdI): "Inaccettabile"

"Torino ormai sta diventando una banlieue in cui le strade vengono devastate per festeggiare la vittoria del Marocco contro il Canada ai Mondiali in Qatar. Anni di governo Pd e M5S e questo è il risultato" a dichiararlo l'esponente di Fratelli d'Italia Augusta Montaruli, intervenendo sui disordini in corso nel quartiere di Barriera di Milano a Torino nord. "Bande di immigrati marocchini che paralizzano un intero quartiere e sparano fuochi d'artificio contro abitazioni private, forze dell'ordine e anche ambulanze. Da tempo denunciamo come Torino nord si stia trasformando in un maxi ghetto in cui imperversano gli spacciatori della Mafia africana e l'integrazione è un miraggio".

"Ringraziamo la questura per il cambio di passo avvenuto nelle ultime settimane e le forze dell’ordine a cui va la nostra solidarietà e prefettura: chiediamo di andare avanti a maggior ragione senza timori. Ho chiesto che il Ministero venga a Torino rivolgendolo stesso invito che Lamorgese rifiuto’: venire a Torino a prendere in mano la questione sicurezza di Barriera, caso unico in Italia”, ha concluso il sottosegretario Montaruli.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium