/ Scuola e formazione

Scuola e formazione | 17 novembre 2021, 12:50

Il Politecnico si prepara a scacciare il cigno nero: "Impariamo a essere anti-fragili, salviamo il mondo" (FOTO e VIDEO)

Cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico in corso Duca degli Abruzzi. "Guai a pensare come si faceva prima"

inaugurazione anno accademico

Inaugurato al Politecnico l'anno accademico 2021-22

Come si affronta un Cigno nero? Sembra una domanda da ornitologi, ma qui se lo chiedono i futuri ingegneri e architetti. Ed è la metafora a spiegare il pensiero di Guido Saracco, rettore del Politecnico, che oggi ha celebrato l'avvio del nuovo anno accademico.

Con la pandemia (si spera) nello specchietto retrovisore. "Un fatto imprevedibile, fuori da ogni schema o analisi. Una crisi senza precedenti e da lasciarsi alle spalle. Si può essere fragili, oppure rialzarsi ed essere più forti di prima. È la grande occasione che abbiamo: essere anti-fragili".

Presente il sindaco (e docente) Lo Russo

Ad ascoltarlo, in un'aula magna non gremita (per motivi di sicurezza), ma sicuramente partecipata, le massime autorità civili e militari. Compreso il neo sindaco di Torino, Stefano Lo Russo, che qui "gioca in casa" essendo docente di Geologia proprio in queste aule. Presenti anche gli assessori Carlotta Salerno, Paolo Mazzoleni e Francesco Tresso.

 

Investire e prevenire (ma non solo)

"Vogliamo investire pesantemente sull'area informatica, che ha permesso di dare formazione a distanza, ma che sarà fondamentale anche in futuro. Anche i docenti, in questo, sono stati preziosissimi". E intanto, mentre si torna in presenza, accanto ai controlli del Green pass si è creato "un tamponificio", come lo definisce Saracco. "Vogliamo garantire la sicurezza e la salute di tutti: è indispensabile per tornare alla normalità".

 

Ma per la ricetta servono anche altri ingredienti: "Non colpi di genio, ma comportamenti consapevoli, anche per l'utilizzo dei fondi Pnrr in arrivo. E poi la cooperazione, come la cabina di regia che il sindaco Lo Russo ha descritto nei giorni scorsi". E ancora: "Siamo una società che ha impattato con la pandemia essendo iperfragile: ora non potremo più ragionare come si faceva prima. La sfida di salvare il mondo è una sfida da vincere".

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium