ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 19 settembre 2022, 15:55

Patto Italia-Francia: carabinieri e gendarmi insieme per i pattugliamenti sui territori di confine

Sottoscritto a Torino il disciplinare tra i vertici dei carabinieri di Torino e della Savoia. Lunardo e Allemand: "Sempre più uniti per ascoltare i cittadini e combattere la criminalità"

foto di archivio

Patto Italia-Francia: carabinieri e gendarmi insieme per i pattugliamenti sui territori di confine

Nuove regole per i servizi di pattugliamento congiunti sul confine italo–francese: la firma in calce al Disciplinare Operativo è stata posta questa mattina presso il comando provinciale dei carabinieri di Torino, alla presenza del Generale di Brigata Claudio Lunardo, Comandante provinciale dei carabinieri di Torino e del Comandante del Gruppo della Gendarmeria Dipartimentale della Savoia, con sede a Chambery, Colonnello Frédéric Allamand.

Oulx e Susa saranno i due Comuni maggiormente coinvolti, ma presto si potrebbe estendere anche a Bardonecchia.

Ma sui flussi migratori resta la Polizia di frontiera

Ma la competenza che riguarda i flussi migratori rimarrà totalmente in capo alla Polizia di Frontiera. "I pattugliamenti prendono origine dall'accordo di Lione firmato dai rispettivi ministri nel 2012 e punta a mantenere la sicurezza lungo la fascia di confine. Una cornice giuridica all'interno della quale ci muoveremo, in particolare con la Compagnia carabinieri di Susa, che svolgerà i pattugliamenti con i colleghi della gendarmeria, sotto la regia del Centro di coordinamento di frontiera di Modane", dice Lunardo. Che poi aggiunge: "Cominceremo dalle prossime settimane, anche sulle piste da sci, nella prossimità dei cittadini".

L'obiettivo è amalgamare sempre di più servizi e operazioni che sono piuttosto simili. "Vogliamo fare prevenzione, ma anche fornire una risposta al cittadino - aggiunge Lunardo - sia agli italiani in Francia che agli stranieri sul nostro territorio. E cercheremo di intercettare tutte le necessità".

Lotta alla criminalità e ascolto dei cittadini 

"Siamo particolarmente fieri e onorati di questo disciplinare - aggiunge Allemand - Raccolgo il frutto del lavoro fatto da chi mi ha preceduto. Si lavora sempre meglio quando ci si conosce e per conoscersi è necessario incontrarsi. Proseguiamo nella nostra lotta congiunta contro la criminalità e al servizio della popolazione, in periodo in cui i flussi attraverso il confine sono sempre di più. Siamo i primi comandi a stringere un legame così stretto, tra Italia e Francia".

Presto un disciplinare di questo genere sarà sottoscritto anche con il comando francese della gendarmeria di Gap, per la parte di territorio che va verso Monginevro e la zona più a Sud, compreso Claviere.

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium