/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 26 maggio 2023, 08:42

Da Caselette a Villar Focchiardo, taglio del nastro per la ciclovia Francigena

Appuntamento fissato dall'Unione Montana Valle Susa per il 3 giugno: già percorribili i primi 40 chilometri su un totale di 62

persone in bicicletta

Già percorribili 40 dei 62 chilometri della via Francigena in val di Susa

In occasione della Giornata Internazionale della Bicicletta, sabato 3 giugno verrà ufficialmente inaugurato il primo tratto della Ciclovia Francigena, progetto di punta dell’amministrazione dell’Unione Montana Valle Susa. Già in parte ciclabile dalla scorsa estate, l’itinerario da Caselette a Villar Focchiardo è oggi percorribile per circa 40 chilometri (sui 62 complessivi che si realizzeranno), sommando anche il ramo laterale che, dal Lago Piccolo di Avigliana, attraversa il tratto urbano e si immette lungo la Dora. Questo percorso cicloturistico lungo la via Francigena, la cui realizzazione era stata avviata durante la precedente amministrazione dell’Unione, si innesta nelle grandi ciclovie VenTo (Venezia – Torino) di 680 chilometri e AIdA (Alta Italia da Attraversare).

Il taglio del nastro ufficiale per l’itinerario valsusino, identificabile tramite l’apposita segnaletica (il logo con ruota e pellegrino) avverrà proprio il 3 giugno, tramite la pedalata inaugurale libera e aperta a tutticon doppia partenza alle ore 10 (dalla stazione di Avigliana (lato corso Torino) e dal ponte ciclopedonale di Villar Focchiardo) e arrivo alle 12,30 al Bicigrill di Chiusa di San Michele. Sarà l’occasione per esplorare direttamente questo primo tratto del percorso, che attraversa campi e borghi, affiancando dimore e campanili dominati dall’alto dalla maestosa abbazia della Sacra di San Michele. 

Quello che andiamo inaugurare - spiega il Presidente dell’Unione Montana, Pacifico Banchieri - è un importante tassello del progetto con cui intendiamo rilanciare il territorio, valorizzandone il grande patrimonio storico e naturalistico in modo sostenibile. Sono già in tanti, turisti e cittadini, a percorrere questo itinerario che si snoda nel nostro bel paesaggio, collegando  in modo sicuro i nostri borghi e quello che hanno da offrire. Intanto stanno proseguendo i lavori del secondo lotto, che nei prossimi mesi collegherà l’attuale tratto a Bussoleno, da dove contiamo poi di proseguire fino a Moncenisio". 

Su tempi e costi di realizzazione aggiunge l’assessore ai Lavori Pubblici, Luca Giai: “Il primo lotto da Caselette e Avigliana sino a Vaie di una trentina di km è costato un milione e mezzo di euro, finanziati per un milione e 100mila euro dall’istituto per il Credito Sportivo di Roma con un mutuo e per 400mila euro dall’Unione Montana. Il secondo lotto da Vaie-S.Antonino a Villar Focchiardo-San Giorio è costato un altro milione e mezzo finanziato dalla Regione Piemonte in un bando del 2017 dedicato alla messa in sicurezza dei percorsi ciclabili e pedonali: l’aspetto più interessante di questo lotto è il ponte ciclopedonale sul torrente Gravio che è stato posizionato nei mesi scorsi. Il terzo lotto da Villar Focchiardo a Bussoleno è in via di realizzazione e l’intervento ammonta a circa un milione di euro finanziato dal Ministero Beni culturali e ambientali in un programma di messa in sicurezza dei percorsi storici. Inoltre entro fine giugno sarà pronto il progetto per completare il percorso della Ciclovia sino a Moncenisio, progetto finanziato  dalla Fondazione San Paolo  e realizzato attraverso un tavolo di concertazione con i Comuni interessati di Bussoleno, Susa, Mompantero, Venaus, Novalesa e Moncenisio. Per questo ultimo lotto si è ancora alla ricerca della fonte di finanziamento per la sua realizzazione”. 

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium