/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | venerdì 12 ottobre 2018, 12:32

Truffava le automobiliste sole con la scusa del falso investimento

Arrestato dalla polizia. Le sue vittime erano anche anziani. A tutti chiedeva soldi come "risarcimento": se qualcuno si rifiutava di pagarlo, assumeva un atteggiamento aggressivo e minaccioso

Truffava le automobiliste sole con la scusa del falso investimento

Sceglieva vittime di sesso femminile, prediligendo orari serali e preserali in modo da rendere meno evidente l’inganno e preferendo vie strette situate nel centro cittadino o i controviali dei corsi, ove le automobili transitano a velocità ridotta e risultano più facili da abbordare.

A F.C., 53 anni, residente a Torino nel quartiere Madonna di Campagna, gli investigatori hanno attribuito ben 17 colpi, commessi nel periodo che va dal 30 Maggio 2017 al 4 marzo 2018, durante il quale risultava sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale. La tecnica utilizzata era ogni volta identica: l’uomo prendeva di mira utenti della strada da soli in auto, che procedevano a velocità non sostenute; prediligeva le donne, ma anche, a volte, uomini anziani. Dopo aver colpito la vettura in transito con un oggetto in modo tale da provocare un rumore sordo, fermava il conducente asserendo di essere stato investito mentre attraversava la strada. Per rendere il tutto più credibile, l’uomo vestiva sempre con un abito elegante, con i pantaloni lacerati all’altezza del ginocchio; qualche macchia di sangue aveva lo scopo di rendere il tutto più verosimile e di impressionare l’ignaro malcapitato.

F.C., generalmente, saliva poi sull’auto delle vittime chiedendo un trasporto di cortesia fino a casa poiché bisognoso di cure; il tempo occorrente per compiere il tragitto si rivelava il momento perfetto per chiedere una somma di denaro a titolo di risarcimento del danno subito (in genere da un minimo di 80 euro a somme anche di 150 euro). Quelle volte in cui le vittime non avevano il denaro contante con sé, pervicacemente il truffatore le accompagnava fino a uno sportello bancomat per consentire loro il prelievo, mentre nelle rare occasioni in cui qualcuno si rifiutava di dargli del denaro, sospettando il raggiro, l’uomo non esitava ad assumere un comportamento molto aggressivo, con la minaccia di fargliela pagare.

Nei suoi confronti, alla luce delle numerose testimonianze e denunce raccolte dagli investigatori, nonchè dei suoi precedenti specifici (si tratta di un recidivo specifico infraquinquennale), il Gip Tribunale di Torino ha emesso la misura cautelare della custodia cautelare in carcere, provvedimento eseguito dai poliziotti del Commissariato Madonna di Campagna nelle ultime ore.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore